I FIORI DEL MALE

ALCUNE CLASSI DELL'ALBERGHIERO "SANDRO PERTINI" DI BRINDISI HANNO VISITATO LA MOSTRA
FOTO-DOCUMENTARIA "I FIORI DEL MALE".
Agli organi di stampa con preghiera di diffusione 
Comunicato Stampa 
Sei classi dell'Istituto Alberghiero Sandro Pertini di Brindisi (4B, VB, 5D, 5E, 5F,
5H), giovedì 14 novembre 2019, si sono recate presso Palazzo Granafei Nervegna,
Brindisi, per visitare la mostra foto documentaria "I Fiori del Male", donne in
manicomio nel regime fascista, a cura di Annacarla Valeriano e Costantino Di Sante.
Gli alunni sono stati accompagnati dai docenti: Consales, Cuzzupè, De Monte, Gioia,
Greco, Leone, Maceri, Papadia, Pezzuto, Piccoli, Taveri. La visita guidata è stata
condotta da due guide molto preparate che sono riuscite a focalizzare l'attenzione
dei ragazzi: Micaela De Marco, Presidente della Cooperativa Sociale "SePuede" e
Valeria Casale. La mostra, per la prima volta in Puglia, è arrivata a Brindisi per
volontà della SePuede Cooperativa Sociale che, da anni, si occupa della gestione di
strutture per la riabilitazione di pazienti con disabilità psichica. Durante il
ventennio, si ampliarono i contorni che circoscrivevano i concetti di emarginazione
e di devianza e i manicomi finirono con l'accentuare la loro dimensione di controllo
e di repressione. La mostra racconta le storie di quelle donne che non seppero
esprimere personalità adattate agli stereotipi culturali del regime o che non
assolsero completamente ai nuovi doveri imposti dalla "rivoluzione fascista". È
importante focalizzare i volti di queste donne, le loro espressioni, i loro sguardi,
in cui sembrano quasi annullarsi le smemoratezze e le rimozioni che le hanno
relegate in una dimensione di silenzio e oblio. I materiali documentari, al centro
del percorso espositivo, attingono in larga parte all'archivio storico del manicomio
Sant'Antonio Abate di Teramo. Sono figlie, madri, mogli, spose, amanti; donne
vissute durante gli anni del regime fascista. Ai volti delle ricoverate, sono
affiancati diari, lettere, relazioni mediche che raccontano la femminilità a
partire dalla descrizione di corpi inceppati e restituiscono l'insieme di pregiudizi
che hanno alimentato storicamente la devianza femminile. La mostra si è rivelata
un'opportunità per gli alunni, per approfondire l'emarginazione femminile durante
il regime fascista. 
Il Dirigente: Prof. Vincenzo Micia 
Ufficio Stampa: Prof.ssa Anna Consales 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

POLITICA COOKIES

Di seguito presentiamo la nostra Cookies Privacy Policy.

In conformità alla legge sui COOKIES entrata in vigore il 3 Giugno 2015 si avvisa che :

Questo sito consente i cosidetti COOKIES "TECNICI" e solo quelli strettamente necessari al Browser utilizzato dall' utente per la navigazione del sito. I Cookies sono dei piccoli file di testo che i siti visitati dall'utente inviano al dispositivo (solitamente al browser), essi vengono memorizzati nella corrispondente cartella del browser mentre l’utente è intento a visitare un sito web, per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visite successive. Vengono utilizzati con lo scopo di migliorare la navigazione.
Questo sito NON utilizza assolutamente COOKIES cosidetti di "PROFILAZIONE" (utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc.)

POLITICA COOKIES

Di seguito presentiamo la nostra Cookies Privacy Policy.

In conformità alla legge sui COOKIES entrata in vigore il 3 Giugno 2015 si avvisa che :

Questo sito consente i cosidetti COOKIES "TECNICI" e solo quelli strettamente necessari al Browser utilizzato dall' utente per la navigazione del sito. I Cookies sono dei piccoli file di testo che i siti visitati dall'utente inviano al dispositivo (solitamente al browser), essi vengono memorizzati nella corrispondente cartella del browser mentre l’utente è intento a visitare un sito web, per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visite successive. Vengono utilizzati con lo scopo di migliorare la navigazione.
Questo sito NON utilizza assolutamente COOKIES cosidetti di "PROFILAZIONE" (utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc.)