Patto di corresponsabilità

Patto educativo di corresponsabilitàfra Scuola Alunno e Famiglia

 

Attraverso il Patto Educativo di Corresponsabilità (PEC) stipulato tra Scuola – Famiglia e Studenti si definiscono, in maniera dettagliata e condivisa, l'insieme di diritti e doveri che tutti, nella diversità dei ruoli, si impegnano a rispettare per garantire il successo formativo, la piena realizzazione umana degli alunni e l’acquisizione definitiva di competenze cognitive e di cittadinanza.

Il presente PEC trova fondamento e giustificazione nel P.T.O.F., nella Carta dei Servizi, nei regolamenti sulla valutazione e nella programmazione educativa e didattica sia collegiale che personale.

I docenti si impegnano a:

1.formulare Programmi di Studio, coerenti con le disposizioni ministeriali e con il PTOF d’Istituto, per realizzare percorsi di insegnamento che concorrano alla conquista dell’autonomia personale, alla maturazione dell’identità, allo sviluppo dell’apprendimento e del metodo di studio, della creatività, delle competenze;

2.realizzare percorsi formativi che favoriscano la buona convivenza civile, che rafforzino le attitudini all’interazione sociale e all’impegno;

3.perseguire finalità e obiettivi individuati in sede di Organi Collegiali;

4.contribuire allo sviluppo ed all’orientamento dell’allievo favorendo la presa di coscienza dei propri bisogni, interessi ed attitudini per garantire un insegnamento che risponda alle esigenze del mondo lavorativo, di alta specializzazione ed universitario con contatti e progetti in accordo con università, aziende pubbliche e private del territorio presenti sul territorio;

5.favorire la creazione e il mantenimento di un clima di collaborazione in classe che garantisca in modo ottimale le relazioni umane e l’apprendimento, nel  rispetto dei ruoli favorendo o sollecitando tra gli studenti lo spirito di inclusione ;

6.accrescere il livello motivazionale in ciascun alunno e nel gruppo classe per promuovere l’impegno personale e collettivo strutturando la lezione in modo da favorire l’autonomia e la cooperazione tra alunni;

7.calibrare i carichi cognitivi sia durante l’orario scolastico che nei compiti a casa;

8.promuovere il recupero e il sostegno individualizzato, attraverso ripassi e/o recuperi in itinere, e valorizzare le eccellenze, rendendole un punto di riferimento costruttivo per la classe;

9.dare la massima trasparenza nell’esplicitazione, agli alunni e alle famiglie, degli obiettivi indicati nella programmazione dipartimentale e del consiglio di classe, delle modalità d’insegnamento, dei criteri di valutazione;

10.rispettare i criteri, stabiliti dagli organi collegiali, che garantiscono uniformità e chiarezza nella valutazione realizzando in corso d’anno  minimo due prove parallele per favorire una valutazione oggettiva e trasversale.

11.essere disponibili all’ascolto ed al dialogo con gli alunni e con le famiglie;

12.dare informazioni tempestive e per quanto possibile precise su eventuali situazioni problematiche degli alunni, convocando i genitori per un colloquio;

13.consegnare le verifiche scritte possibilmente non oltre un termine di quindici entro cui sarà inserita la valutazione anche sul registro elettronico;

14.attribuire immediatamente una valutazione, ad ogni performances degli studenti che rientri nella “valutazione sommativa” e riportala sul registro elettronico;

15.scambiare con le famiglie ogni informazione utile per la buona riuscita del lavoro scolastico e della relazione educativa, anche per rimuovere eventuali cause di demotivazione, disagio,  scarso impegno;

16.garantire agli studenti la qualità dell’insegnamento attraverso un continuo aggiornamento del personale docente e delle strutture a disposizione;

17.Mantenere riservate le informazioni personali e familiari che riguardano il singolo alunno.

18. Segnalare tempestivamente i comportamenti inadeguati degli studenti per gli opportuni provvedimenti disciplinari.

19. non autorizzare più di un alunno alla volta ad uscire dalla classe per recarsi al bagno;

20. riportare puntualmente durante la propria ora, assenze, giustifiche e uscite anticipate o note disciplinari sul registro elettronico di classe. 

La scuola si impegna a:

1.coinvolgere famiglie e studenti nella creazione del percorso scolastico, richiamando l’assunzione di responsabilità dichiarata al momento della sottoscrizione del Patto;

2.offrire locali idonei all’apprendimento ed alla crescita degli alunni;

3.garantire, in ogni momento, la sicurezza e l’incolumità fisica degli utenti;

4.garantire idonei spazi ,anche in orari di interscuola, e in orari extrascolastici per attività di recupero, potenziamento e realizzazione di progetti;

5.garantire attività alternative agli studenti che non si avvalgono dell’IRC;

6.garantire la piena integrazione a tutti gli alunni rimuovendo qualsiasi tipo di ostacolo;

7.fornire efficienza e qualità nel servizio nel rispetto dell’esigenza dell’utenza;

8.contattare le famiglie in caso le assenze, il comportamento e/o il rendimento dell’alunno possa compromettere il successo scolastico e formativo;

9.prevenire e controllare fenomeni di devianza (bullismo,  cyber bullismo, vandalismo e diffusione di sostante pericolose) collaborando con le famiglie e con gli organi competenti con riferimento a quanto a tal fine disposto dalla Legge 71 del 2017;

10.favorire lo sviluppo personale dello studente attraverso:

a . l’offerta di attività extra curricolari;

b. attività specifiche di orientamento soprattutto sulle scelte lavorative, post diploma o universitarie;

c. l’attenzione a problemi di carattere personale e psicologico attraverso progetti mirati;

d. l’arricchimento del curricolo personale offrendo corsi per acquisire competenze;

e. l’approfondimento delle conoscenze delle lingue straniere;

11.offrire allo studente la possibilità, per tutto il corso dell’anno, di essere sostenuto attraverso attività di recupero e sostegno anche individualizzati da svolgersi a scuola oppure on-line;

12.mettere a disposizione di studenti e famiglie, locali  secondo le modalità stabilite dagli organismi competenti.

13. evitare il reiterarsi di comportamenti sconvenienti tenuti dall’alunno durante i viaggi d’istruzione, le visite guidate o le uscite didattiche , escludendoli dalla partecipazione a successive iniziative durante le quali, stante l’esclusione, saranno impegnati in attività pratiche/laboratoriali da effettuarsi all’interno della scuola.

Gli alunni si impegnano a:

1.Osservare le regole della convivenza nel gruppo, rispettando le persone e le cose;

2.frequentare regolarmente le lezioni e studiare con continuità e impegno;

3.Rispettare l’orario di inizio e fine lezione;

4.Mantenere un comportamento corretto e un atteggiamento rispettoso ed educato nei  confronti del personale docente e non docente;

5.assumersi la responsabilità e le conseguenze delle proprie azioni, anche con atti di riparazione, in caso di condotte contrarie alla buona convivenza e al rispetto delle persone e delle cose, da tenersi durante tutto il tempo trascorso all’interno della Scuola o all’esterno purchè sempre durante la partecipazione ad attività didattico/disciplinari/ formative programmate.

6.lasciare la classe o gli ambienti scolastici di uso comune in ordine e non tenere condotte contrarie al rispetto dell’ambiente e degli arredi ivi presenti;

7.osservare il Regolamento d’Istituto;

8. lavorare con impegno e responsabilità, osservando le prescrizioni e le indicazioni degli insegnanti;

9.avere sempre a disposizione il materiale di lavoro richiesto dall’orario delle lezioni;

10.affrontare con responsabilità eventuali insuccessi scolastici;

11.esplicitare sempre le proprie difficoltà, anche delegando i genitori, allo scopo di ricercare adeguate soluzioni;

12.non utilizzare a scuola il cellulare e/o altri consimili apparecchi elettronici (iPod, iPad, ....), come da disposizioni ministeriali e Regolamento d’istituto;

13.rispettare l’igiene personale, togliere il copricapo entrando a scuola, indossare abiti consoni all’ambiente scolastico, quali bermuda o quanto espressamente sconsigliato dai docenti o da circolari interne;

14.collaborare con i compagni e con tutti gli operatori della scuola per mantenere e far crescere la buona immagine dell’Istituto;

15.utilizzare correttamente strutture e strumenti dell’Istituto;

16.essere puntuali nella  firma delle comunicazioni scuola-famiglia;

17.non compiere atti di bullismo e/o di cyber bullismo.

18.a fare rientro in classe dopo massimo cinque minuti da quando sono stati autorizzati dal docente a recarsi ai servizi igienici che dovranno essere quelli ubicati sul piano della propria classe.

Le famiglie si impegnano a:

1.collaborare costruttivamente con il Dirigente Scolastico e con i docenti per la formazione di tutti gli studenti;

2.rispettare le modalità e le strategie di insegnamento messe in atto dai docenti;

3.rispettare quanto previsto nel Regolamento d’Istituto;

4.richiedere i dati di accesso al Registro Elettronico e controllare regolarmente la posizione del proprio figlio, i documenti d’istituto e le comunicazioni personali e pubbliche della scuola;

5.scambiare con gli insegnanti ogni informazione utile alla buona riuscita del lavoro scolastico e della relazione educativa, anche per rimuovere eventuali cause di demotivazione, disagio, scarso impegno;

6.collaborare con la scuola nel sostenere l’apprendimento delle regole di convivenza e nell’assunzione di impegno e di responsabilità degli alunni;

7.collaborare con la scuola, controllando sistematicamente il lavoro dei figli;

8.sostenere e stimolare il figlio nel suo lavoro in classe e a casa; 

9.sostenere il lavoro dei propri figli, accogliendo serenamente successi ed insuccessi, quando accompagnati da serietà ed impegno;

10.mantenere contatti regolari con la scuola:

a)informando la scuola in caso di problemi che possano in qualche modo incidere nel profitto scolastico o compromettere l’esito finale.

b)partecipando alle iniziative promosse dalla scuola e ai momenti di incontro e confronto con essa (consigli di classe , colloqui, riunioni).

c)segnalando disservizi;

d)segnalando situazioni critiche e fenomeni di disagio, bullismom, cyber bullismo o altro di cui la famiglia venga a conoscenza direttamente o indirettamente ;

11. firmare tempestivamente le comunicazioni scuola – famiglia e le giustificazioni delle assenze;

12. rispondere di eventuali danni arrecati dai propri figli e di eventuali sanzioni, secondo la normativa vigente, risarcendo l’intero costo dei viaggi di istruzione o delle visite guidate nel caso di comportamento inadeguato del proprio figlio o di suo danni ai luoghi o alle cose altrui durante la partecipazione ad essi;

13. prendere visione delle comunicazioni scritte, delle circolari e di ogni altro tipo di comunicazione scuola -famiglia;

14.condividere i principi e le disposizioni del presente Patto di Corresponsabilità;

15.rispettare le norme di funzionamento dell’Istituto Scolastico.

16.di autorizzare anche senza preavviso di un giorno, ma attraverso comunicazione telefonica, l’uscita anticipata dell’alunno/a per eventi o fenomeni eccezionali o in caso di impossibilità da parte della scuola di garantire la sorveglianza in aula per insufficienza numerica del personale in servizio.

17.Di autorizzare l’alunno a recarsi nei luoghi individuati all’esterno della Scuola per prendere parte alle attività programmate dai rappresentanti per lo svolgimento dell’assemblea d’Istituto, o autorizzando del caso l’uscita anticipata dell’alunno/a nei giorni di svolgimento della predetta Assemblea o di recarsi direttamente e senza dapprima accedere a scuola, presso i luoghi in cui si svolgerà.

Norme funzionamento scolastico:

Nelle ore di lezione non è consentito agli studenti girovagare per i locali dell’istituto: brevi permessi potranno, di volta in volta, essere concessi dai docenti agli studenti per recarsi -uno alla volta-ai servizi igienici.

È fatto assoluto divieto a tutti gli allievi di accedere al bar interno al complesso scolastico tranne a coloro che dovranno ritirare , come da orario indicato dalle circolari interne , quanto ordinato dalla classe per la ricreazione;

È fatto divieto agli studenti intrattenersi nei corridoi dell’istituto in orario di lezione, compreso durante la ricreazione che si svolgerà all’interno della classe per motivi di sicurezza e durante l’orario indicata in circolare.

Durante le ore di lezione è VIETATO utilizzare o tenere accesi apparecchi di comunicazione personale come telefoni cellulari, palmari, ecc. (in caso di necessità è possibile comunicare con i genitori utilizzando i telefoni della scuola). È, altresì, vietato portare a scuola apparecchi elettronici e di intrattenimento che potrebbero arrecare disturbo al regolare svolgimento delle lezioni. In caso di trasgressione a tali divieti agli studenti verrà comminata sanzione appropriata e gli eventuali apparecchi e attrezzature verranno requisiti dal docente e restituito al termine delle lezioni. Qualora la violazione viene reiterata il dispositivo verrà ritirato e consegnato al genitore o a chi esercita la responsabilità genitoriale.

È fatto divieto di riprendere e diffondere immagini non autorizzate all’interno della scuola utilizzando cellulari o palmari, soprattutto se lesive della persona e della dignità dell’istituzione scolastica in ottemperanza della Direttiva Ministeriale 30/11/2007 n. 104.

a)Ingressi posticipati, b) Uscite anticipate, c) Giustifiche assenze, d) utilizzo dei laboratori.

 Si rende noto che tutti gli utenti sono tenuti a rispettare le seguenti norme di seguito indicate:

In caso di assenza di docenti , il giorno prima, gli studenti saranno informati e saranno tenuti a comunicarlo ai genitori in caso di ingresso posticipato o uscita anticipata.

In caso di assenza dello studente , le assenze vanno giustificate (sull’apposito libretto da ritirare in segreteria didattica) dall’insegnante della 1^ ora, il quale ne prende nota sul registro di classe il primo giorno di rientro alle lezioni. Per le assenze che superano i 5 gg. (dal 6° in poi, compresi i festivi) oltre alla giustificazione è richiesto il certificato medico di idoneità alla frequenza. Gli alunni che, al rientro alle lezioni omettano di giustificare per tre giorni consecutivi, saranno ammessi dall’insegnante della 1^ ora che annoterà sul registro di classe l’obbligo dell’alunno di giustificare il giorno successivo. Se ciò non avverrà, i docenti sono tenuti ad informare i genitori, i quali dovranno giustificare personalmente l’assenza/e recandosi a scuola. Le assenze di massa vanno regolarmente giustificate dal genitore, ma sono, comunque, ritenute arbitrarie, con conseguenze negative sul piano della valutazione.

A partire dall’inizio delle esercitazioni nei laboratori di Enogastronomia, Sala e vendita, Pasticceria e Ricevimento, tutti gli studenti, secondo le indicazioni degli Istruttori Tecnico-pratici, e secondo l’orario delle lezioni, sono tenuti a portare la divisa completa e ad indossarla durante le esercitazioni.

Qualora ne fossero sprovvisti, gli studenti non potranno svolgere le regolari lezioni, saranno segnalati dall’ITP al Dirigente Scolastico o suo Collaboratore, al Coordinatore di classe che dovrà registrare l’inadempienza dello studente sul data -base predisposto, presente sul sito della scuola nell’Area riservata dei docenti. Tale inadempienze influiranno sul profitto complessivo ed, ovviamente, sul voto di comportamento nelle valutazioni quadrimestrali.

Gli I.T.P, insieme agli Assistenti tecnici, vigileranno sia sugli studenti in esercitazione sia sugli studenti inadempienti, dividendosi gli alunni in gruppi, concordando con il Dirigente Scolastico le azioni da intraprendere. In ultima analisi i Collaboratori del Dirigente li potranno assegnare per la durata dell’esercitazione ad altre classi in cui prestano servizio i propri docenti, o in classi parallele.

Durante l’orario di lezione, per nessuna ragione gli alunni possono uscire e/o allontanarsi dall’istituto senza autorizzazione del Dirigente scolastico. Le uscite anticipate dovranno essere autorizzate dalla Dirigenza e dovranno riferirsi esclusivamente alle seguenti due ipotesi:

1°= malore improvviso dell’alunno / 2°= gravi e non previsti motivi di famiglia.

La richiesta, motivata e giustificata, dovrà essere effettuata direttamente dal genitore.

Anche nel caso di malessere, lo studente potrà allontanarsi dall’istituto solo se accompagnato da un familiare o da personale medico.

Il presente Patto di Corresponsabilità è applicativo dello Statuto degli studenti e delle Studentesse della Scuola Secondaria  ( D.P.R. n.249 del 24/06/98, D.P.R.  n. 235 del 25/11/07, Nota M.I.U.R. n. 3602/PO, del 31/07/08; tiene inoltre conto dei contenuti della C.M.  n. 2709 del 04/03/08, del D.M.  n. 5843 / A3 del 16/10/06.

 

                                                                                                Il Dirigente Scolastico

                                                                                      Prof.  Vincenzo Antonio  MICIA

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.